Car Sharing cos'è? Come funziona il Carpooling? Costi 2016 e tariffe

Cos'è e come funziona il Car sharing? Significato, costi e quale scegliere tra autostop organizzato di Carpooling in Italia e l'affitto auto condivisa?

Commenti 0Stampa

Carsharing e Carpooling che cos'è? Qual è il significato di queste due parole? Quale servizio bisogna scegliere quando si viaggia, quando si va a lavoro o se si deve affrontare un tragitto non previsto.

Ecco cosa s'intende con i termini Car sharing e Car pooling e cosa c'è da sapere nello spostamento con questi servizi che negli ultimi anni hanno messo in comunicazione milioni di utenti tra loro riducendo costi e spese di trasporto

 

Car sharing, car pooling e car ride:

Car Pooling: con questo termine si indica la classica auto di gruppo. Infatti la traduzione letterale dall'inglese all'italiano è proprio quella di auto di gruppo. Attualmente Car Pooling si usa per indicare non solo le auto con più persone che viaggiano ma per indicare i siti ed i servizi offerti dagli utenti che condividono, grazie alla tecnologia, i propri mezzi di trasporto con gli altri fruitori al fine di ridurre la spesa ed i costi.

Car Sharing: sebbene qui la traduzione letterale dall'inglese all'italiano sia auto condivisa, anche per questo termine si tendono ad indicare tutti quei servizi in cui gli utenti entrano in contatto tra loro per condividere mezzi di trasporto e per ridurre non solo l'emissione di CO2 ma anche i costi.

Car ride: con questo termine, invece, (dall'inglese giro in auto) s'intende un servizio in cui un conducente mette a disposizione un auto per un unico passaggio.

 

Cos'è il Car Sharing e come funziona il Carpooling?

Che cosa sono il Car Sharing e il Carpooling e come funzionano? Da anni se ne parla ma non sempre è molto chiaro a cosa ci si riferisce. Con il termine inglese car sharing (dall'inglese auto condivisa) e car pooling (dall'inglese auto di gruppo) s'intende uno di quei servizi che al giorno d'oggi permette a diversi utenti di mettersi in contatto tra di loro per dividere una passaggio o per organizzare una macchina di gruppo per una determinata tratta con il fine di ridurre le spese del servizio.

Esempi lampanti e di colossi viventi sono senza alcun dubbio quello della ride sharing BlaBlaCar o del servizio taxi di Uber.

Non è facile definire i termini del servizio offerto dato che ogni società decide di per sé come organizzarsi (ad esempio su BlaBlaCar gli utenti si mettono in contatto tra di loro mentre su Uber è possibile richiedere una vettura privata con tanto di autista).

Tuttavia le principali finalità del car sharing e del car pooling sono quelle della riduzione dei costi di trasporto (e non solo dato che questo sistema riesce anche a ridurre l'emissione di CO2 nell'aria).

Tutte le piattaforme di car pooling cambiano nell'aspetto ma non nella struttura dato che al loro interno è possibile inserire una data e una tratta e vedere quali utenti sono disponibili ad accompagnarvi e a quale prezzo.

 

Carsharing e carpooling quale conviene di più? Costi e tariffe 2016:

Quale società conviene e quali sono i costi? Come spiegato ogni società attua un servizio personalizzato e sulla base di questo vengono calcolati i costi.

Un fattore molto utile per scegliere è quello dei feedback. Tutte le società di car sharing utilizzano le valutazioni pubbliche di fine viaggio che permettono a tutti gli utenti registrati di vedere qual è il comportamento di un autista e quello di un passeggero. Questo crea un certa sicurezza ed affidabilità a questo genere di servizi.

Attualmente BlaBLaCar riesce ad offri dei servizi molto vantaggiosi in termini economici. Infatti solitamente è lo stesso sito ad indicare al conducente il prezzo da richiedere (anche se questo può essere aumentato o diminuito). Tuttavia i costi bassi di BlaBlaCar nascono dal fatto che il conducente non mette a disposizione la propria vettura per un guadagno personale ma per ridurre i costi legati al carburante e ad eventuali pedaggi (solitamente a carico dei passeggeri).

Uber Taxi invece attua un servizio diverso. Infatti ad iscriversi sono dei veri autisti con mezzo privato che mettono a disposizione la propria vettura a chi è alla ricerca di un mezzo di trasporto. Anche su questa piattaforma è possibile trovare offerte molto competenti che diventano ancora più vantaggiose se vengono divise tra più persone. Ma Uber da la possibilità anche di avere un servizio elegante, sicuramente di un costo maggiore.

Esistono numerosi altri siti che si occupano di questo genere di servizi come:

  • Mylifts applicazione usata molto nel Regno Unito, utile per chi si trova a fare una viaggio tra Londra e dintorni;
  • Tandemobility: piattaforma per la condivisione di passaggi per chi va ai concerti o ad eventi particolari, molto usata in Italia;
  • Roadsharing: servizio utilizzato in tutta Europa per i passaggi di gruppo, molto gettonata dai turisti in giro per il mondo;
  • Youtrip: maggiormente utilizzato in Italia con la finalità di condividere percorsi tra gli utenti, sia se si tratti di brevi tratte che di lunghe mediante le quali è possibile scambiare anche oggetti per il passaggio ricevuto;
  • Hitchhikers: è la piattaforma online che più si avvicina al classico autostoppista di una volta dato che l'intento del sito è quello di avvicinare gli utenti tra loro con il fine di farli viaggiare solo ed esclusivamente gratis.

Questi sono solo alcuni degli innumerevoli servizi che vengono utilizzati nel mondo.

 

Car Sharing Italia 2016 come funziona Enjoy e Car2Ego?

In Italia nel 2016 le società di Car Sharing sono diverse ed hanno cambiato il modo di concepire la mobilità. Ma non solo. Con questo servizio gli utenti utilizzano le vetture solo quando ne hanno bisogno dimenticando il problema dell'assicurazione, del bollo, della benzina e della manutenzione.

Tra le più diffuse troviamo Enjoy e Car2Go. Vediamo come funzionano:

Enjoy: anche in questo caso ci troviamo davanti ad un servizio che ha rivoluzionato il modo di spostarsi in città e non solo. Con Enjoy di Eni c'è la possibilità di poter affittare un auto o uno scooter per uno spostamento in città o fuori porta con la comodità di non doverlo riconsegnare nel luogo dove lo si è ritirato ma semplicemente parcheggiandolo a destinazione. Proprio così. Vediamo come funziona l'iscrizione ed il pagamento del servizio:

  • come prima cosa bisogna effettuare l'iscrizione a Enjoy tramite sito ufficiale o scaricando l'applicazione;
  • una volta fatta l'iscrizione sarà possibile accedere alla piattaforma ed individuare i mezzi disponili nella zona in cui ci si trova;
  • raggiunto il veicolo sarà possibile sbloccare la portiera con l'applicazione oppure inviando un SMS. In entrambi i casi bisognerà prendere il codice identificativo del mezzo che solitamente si trova nel parabrezza;
  • una volta dentro il mezzo nell'apposito vano potrete prendere la chiave, mettere in moto e partire;
  • con navigatore satellitare incluso sarà possibile muoversi con il mezzo scelto;
  • arrivati alla vostra destinazione non dovrete fare altro che parcheggiare.
  • e per pagare? Il pagamento del servizio, è diretto sulla carta di credito o carta di debito che avete registrato al momento dell'iscrizione.

Car2Ego: il servizio di Car Sharing si è fortemente sviluppato negli ultimi mesi. Sarà capitato a tutti di vedere la classica Mercedes Smart con la scritta blu “dove e quando vuoi” o “entro in centro”. Passiamo quindi a vedere come funziona il servizio, quanto costa e le tariffe Car2Ego 2016.

Per muoversi con questo servizio bisogna:

  • registrarsi mediante la voce diventa cliente Car2Ego;
  • una volta fatta la registrazione bisogna recarsi in uno dei centri Car2go per esibire la patente di guida, la carta di credito e il codice QR che viene rilasciato durante l'iscrizione;
  • dopo aver scaricato l'app sarà possibile individuare il mezzo più vicino alla propria posizione ed usarlo fino a destinazione con la comodità di parcheggiarlo dove si arriva, senza il pensiero di doverlo riconsegnare.

Carsharing Roma e Milano: nella capitale è arrivato il servizio Mobilità Roma Carsharing con una flotta messa a disposizione per abitanti e turisti composta da ben 120 vetture di cui 10 a motore elettrico. Milano è stata la prima città in Italia a mettere in atto il servizio di Car Sharing e dato il repentino successo riscosso è stata seguite dalle altre città della penisola.

 

Carpooling Italia 2016 per universitari, viaggi, scuola e tempo libero:

Tra le società di autostop organizzato per universitari, viaggi, scuola e tempo libero troviamo:

  • BlaBlaCar: la società è nata in Francia ma si è sviluppata fortemente in Italia e in altri paesi del mondo (oggi ben 19). Come si usa BlaBlaCar? Con questo servizio è possibile viaggiare su una tratta che sta facendo un altro utente sempre registrato all'applicazione andando incontro solo alle spese di carburante e pedaggio.
  • Bringme: società italiana di Carpooling e autostop pensata per gli studenti universitari, al momento attivo per la sola Università La Sapienza di Roma ma presto disponibile anche per le Università di Torino, Napoli e Firenze.
  • Viaggiare Insieme: si tratta di una piattaforma che permette agli utenti di poter viaggiare insieme con la propria auto, con servizio a chiamata, NCC e molto altro ancora. Per vedere la disponibilità dei viaggi ed offrirne uno è possibile registrarsi a Viaggiare Insieme.
COPYRIGHT FUTUROTECH.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?