Android 6.0 Marshmallow 2016? Uscita download, novità, caratteristiche

Google Android 6.0 Marshmallow data di uscita e download, novità caratteristiche nuovo sistema operativo nuove funzioni Samsung, Sony, Nexus, LG, HTC

Stampa

Android 6.0 Marshmallow 2016 arriva con il primo rilascio del 5 ottobre ed è pronto ad estendersi su una vasta gamma di dispositivi: quali sono? E soprattutto quali saranno le novità del nuovo sistema operativo 6.0? Ecco come sarà il nuovo lavoro di Google rispetto alla precedente versione, quali sono stati i rilasci prima di Marshmallow e che cosa s'intende per Android.

 

Android 6.0 Marshmallow cos'è?

Il nuovo sistema operativo di Google arriva dopo il gran vociferare di questi mesi puntando su tantissime novità e soprattutto innovando i dispositivi che lo ospitano.

Perché Marshmallow: dal nome veramente molto dolce, Google ha deciso di chiamare così il suo nuovo sistema operativo data la forte preferenza. È ormai noto che il colosso del web sviluppa i suoi sistemi operativi lasciando ad ogni versione il nome di un dolce, dal precedente Lollipop o ancora a KitKat. Alla presentazione di Android 4.4, Google spiegò che il nome dei dolciumi viene dato al sistema operativo Android perché i rilasci vengono impiegati su Smartphone e Tablet, strumenti che addolciscono la nostra vita.

Saranno tante le novità, dalle prestazioni, alla fluidità fino alle applicazioni, soprattutto sul settore pagamenti dove sono in molti ad attendere con gran curiosità l'applicazione Android Pay ma anche Google Now, il nuovo browser Chrome e i nuovi aspetti del menu.

Questa nuova versione raggiungerà milioni di utenti, basta solo pensare che il sistema operativo Android è quello più usato nel mondo, si stima che ad oggi sia utilizzato sull'80% dei dispositivi mobile.

 

Nuovo sistema operativo Google: novità e nuove funzioni

Android 6 vs Android 5 si mettono a confronto in questo momento in cui il passaggio tra una versione e l'altra è ormai in atto su milioni di dispositivi.

Come prima cosa in Marshmallow c'è la novità, rispetto alla precedente versione, legata al nuovo sistema di permessi per l'apertura delle applicazioni, un modo studiato per rendere ancora più sicuri i dati degli utenti che giornalmente scaricano app ufficiali dallo Store di Google o di terze parti. Con la nuova versione l'utente avrà un'ampia scelta di permessi da dare alle applicazioni, dall'utilizzo in background, il rilevamento della posizione, l'utilizzo del microfono e della fotocamera e molto altro ancora. Quindi con Android Marshmallow anche dopo l'installazione sarà l'utente ha decidere le eventuali e dovute restrizioni nei confronti di una singola app seguendo il classico percorso: impostazioni, app, autorizzazione e modifica (a questo punto si potranno personalizzare i permessi).

Anche la versione web è stata rivisitata rispetto alla versione five: su Android 6.0 la navigazione sarà resa più fluida dalla nuova versione di Chrome che riuscirà a capire la potenza del segnale internet e sulla base di quello regolarsi. Allo stesso tempo si potranno aprire link all'interno di alcune applicazioni.

Chrome Custom Tabs è la funzione che durante l'utilizzo di una qualsiasi app permetterà all'utente di aprire apposite pagine internet per informazioni o per la condivisione senza dover utilizzare direttamente il browser, pratica più lenta e che allo stesso tempo appesantirebbe il dispositivo.

Google Now è stato potenziato e rielaborato con l'aggiornamento alla versione sei per intuire maggiormente le informazioni dell'utente al fine di diventare un'assistente personale migliore sotto tutti i punti di vista. Ma non è tutto. Sotto l'aspetto web sono stati migliorati anche i link diretti che a differenza delle versioni precedenti condurranno l'utente direttamente alle applicazioni di riferimento. Un esempio pratico può essere quello di Linkedin: se si riceve via mail una notifica del social network, selezionando il link della notifica si aprirà direttamente l'applicazione.

La gestione della memoria è uno degli argomenti principali nel nuovo rilascio. Infatti dopo le opzioni web appena descritte (studiate per facilitare l'utilizzo dei dispositivo e per renderli più veloci) è stato cambiato anche il menu per la gestione della ROM a cui si potrà accedere selezionando la voce Avanzare e successivamente Dettagli Utilizzo per vedere quali applicazioni stanno utilizzando la memoria e in che percentuale.

App drawer disponibile sia nella versione classica ma anche con la nuova che dispone tutte le applicazioni in senso verticale seguendo l'ordine alfabetico ma mettendo in alto le quattro app più utilizzate. Quindi il menu principale viene cambiato con Android 6.0 lasciando comunque all'utente la possibilità di rimanere alla versione classica.

Google foto sarà la nuova applicazione rilasciata con Android 6.0 con la quale sarà possibile ordinare le foto e gestirle.

Lettore di impronti digitali rivisitato e innovato per l'utilizzo dell'opzione sblocco telefono e per i pagamenti di Android Pay.

Google Android Pay è al centro dell'attenzione del nuovo sistema operativo e in tutti i paesi che sono stati raggiunti dalla nuova modalità di pagamento gli utenti potranno acquistare direttamente con il proprio Smartphone o Tablet.

Batteria: sarà assistita da Doze un sistema che si occuperà delle prestazioni della batteria che con la USB di tipo C dovrebbe permettere di avere una ricarica fino a tre volte più veloce del normale.

 

Aggiornamento Marshmallow 2016: su quali dispositivi?

Android 6.0 per quali dispositivi? Il 5 ottobre Marshmallow è stato rilasciato sui dispositivi Nexus.

Nexus: su quest'ultimi il nuovo sistema operativo verrà rilasciato sui dispositivi non più vecchi di due anni e come al solito saranno privilegiati nel rilascio dato che si tratta di apparecchi curati in tutto e per tutto da Google. Android 6.0 verrà infatti rilasciato su: Nexus 5, Nexus 6, Nexus 7, Nexus 9 e Nexus Player.

Samsung: qui l'aggiornamento dovrebbe raggiungere prima i nuovi dispositivi ma partirà comunque dalla versione 5 su i prodotti che seguono: Samsung Galaxy Note 4, Samsung Galaxy Note 5, Samsung Galaxy S5, Samsung Galaxy S6, Samsung S6 Edge, Samsung Galaxy Alpha, Samsung Galaxy A7 e A8.

Motorola vedrà Android 6.0 sui dispositivi che vanno dal 2014 ad oggi e solitamente il brand è molto veloce nel rilascio. Infatti quanto prima Marshmallow sarà disponibile su: XT1092, XT1093, XT1094, XT1095, XT1096 e XT1097.

LG3, LG4, LG5 e Flex godranno di Android 6.0 dove per i primi due è previsto l'aggiornamento entro la fine dell'anno.

HTC lo avrà nelle ultime versioni HTC One M8, HTC One M9, sul modello M9 Plus, nonché sul One E8.

Huawei conterà su Android Marshmallow nei dispositivi: Honor 6 Plus e More, Mate 7 e Ascend P8.

Sony sarà raggiunta su una vasta gamma di prodotti da Android 6.0 quali: Sony Xperia M5, il modello C5 Ultra, Xperia Z3 Plus, il modello Aka Z4, Xperia Z3, Z3v e Z3 Compact, Xperia Z2, Xperia Z Ultra nella versione Google Play Edition.

Asus è pronto a ricevere l'aggiornamento su Zenfone, nelle versioni: Zenfone 2 Series, Zenfone 2 Laser, Zenfone 2 Deluxe e Zenfone 2 Selfie.

 

Aggiornamento Marshmallow 2016 uscita download:

L'aggiornamento Android Marshmallow 6.0 2016 è stato effettuato il 5 ottobre 2015 nel suo primo rilascio, data in cui il nuovo sistema operativo è stato rilasciato sui modelli Nexus, a partire dalla versione 5 per arrivare alla 9, nonché a Nexus Player.

Come appena evidenziato i primi a ricevere l'aggiornamento saranno i Nexus a cominciare dal modello 5 in poi (infatti per Nexus 4 e le versioni precedenti non ci sarà il passaggio ad Android 6.0).

Per quanto riguarda Samsung l'aggiornamento dovrebbe partire dai Samsung Android 6S e 6S Edge mentre per LG dalla versione 5.

Per avere informazioni più dettagliate in merito al rilascio non rimane che attendere l'evento Google I/O, la manifestazione annuale del colosso del web in cui Android Marshmallow sarà al centro dell'attenzione.

 

Quali sono i nomi dei sistemi operativi Android?

Come sempre Google assegna un nome di un dolce ai propri sistemi operativi. Le prime due version furono semplicemente chiamate Alpha e Beta (successivamente rinominate Apple Pie e Banana Bread).

Randall Sarafa, portavoce di Google, ha spiegato che per gioco fu dato alla versione 1.5 il nome di Cupcake e da quel momento in poi i nuovi rilasci sono stati soprannominati con appositi dolci seguendo l'ordine alfabetico. Infatti alla versione 1.6 fu assegnato il nome di Donut, seguito da: 2.0 Eclair, 2.2 Froyo, 2.3 Gingerbread, 3.0 Honeycomb, 4.0 Ice Cream Sandwich, 4.1 Jelly Bean, 4.4 KitKat, 5.0 Lollipop fino ad arrivare all'ultima, Marshmallow.

 

Definizione di Android:

Ma che cos'è Android? Si tratta di un sistema operativo sviluppato da Google per i dispositivi mobile.

Il sistema è basato su Kernel Linux e il suo principale rilascio è per smartphone e tablet.

Nel 2003 il progetto Android fu avviato da Andy Rubin, Rich Minerva, Nick Sears e Chris White. Due anni dopo, la società fondata da quest'ultimi per lo sviluppo del sistema operativo, fu acquistata da Google che tutt'oggi sviluppa il sistema operativo.

Dal 2003 ad oggi Android è diventata una vera e propria realtà nei dispositivi smartphone e tablet e ad oggi risulta essere il sistema più utilizzato negli apparecchi mobile.

COPYRIGHT FUTUROTECH.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Puoi negare o modificare le tue preferenze sui cookie in qualsiasi momento sulla nostra Cookie Policy. Se vuoi saperne di più su come gestiamo la tua privacy consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso di tutti i cookies.