Google Android Pay cos'è? Come funziona il pagamento e quanto costa?

Google Android Pay 2016 app API per pagamenti NFC, la release date, quando esce in Italia, cos'è e come funziona e quanto costa il nuovo pagamento?

Stampa

Google Android Pay arriva per cambiare il modo di fare acquisti e per semplificare la vita degli utenti che utilizzano il sistema operativo Android. Non rimane che scoprire allora che cos'è Google Android Pay, con quali circuiti si può utilizzare, quando esce in Italia, quanto costa e come funziona eseguire una transazione.

 

Google Android Pay 2016 cos'è?

Cos'è Android Pay di Google? E' il nuovo sistema di pagamenti lanciato dal colosso di internet. Si tratta della modalità di pagare con gli smartphone Android presso i vari esercenti.

Android Pay 2016: uscito nel mese di maggio 2015 oggi il nuovo metodo di pagamento è presente in America presso un milione di attività e con un rilascio graduale nel giro di pochi mesi quasi tutto l'intero nuovo continente potrà godere di questo servizio riservato solo agli utenti che sono in possesso di uno smartphone Android.

L'applicazione esce in concomitanza del nuovo sistema operativo Android 6.0 e sarà disponibile a partire dalla versione Android 4.4.

Quali carte di credito e circuiti si possono associare? Android Google Pay supporta i principali sistemi di pagamento internazionali, quali American Express, Discover, MasterCard e Visa.

Ma non è tutto: dato che l'applicazione vuole sostituire in tutto e per tutto le classiche carte di credito e debito consente di salvare eventuali buoni regalo, sconti presso un negozio, buoni o carte fedeltà.

Dopo aver visto cos'è Android Pay di Google non rimane che capire quando e come si potrà utilizzare in Italia.

 

Quando esce l'app API in Italia per pagamenti NFC?

La release date di Google Android Pay in Italia non è stata ancora ufficializzata dal colosso di internet.

Attualmente Android Google Pay è disponibile in Corea negli Stati Uniti dove già oltre in milione di attività commerciali la utilizzano.

Per l'Italia così, come per il resto dell'Europa, non ci sono ancora date ufficiali. Non resta che vedere come crescerà il servizio in America e capire se durante il 2016 ci saranno degli sviluppi in merito alle tempistiche di Android Google Pay in Italia e Europa. Dato che quest'ultimo servizio di pagamento arriva come rivale di Apple Pay (già presente in Europa), sicuramente sarà premura degli sviluppatori di Google velocizzare i tempi di espansione, anche per la differenza di costo dato che l'applicazione di Google è completamente gratuita mentre quella di Apple presenta dei costi di transazione (che potrebbero anche sparire con l'avvento di Google Android Pay).

Quindi siamo sicuri che nel 2016 arriverà anche in Italia e nel resto d'Europa, attendiamo le notizie ufficiali di Android Italia per capire in quale mese.

 

Quanto costa e come funziona il pagamento con il cellulare?

Google Android Pay si basa sui pagamenti fatti mediante smartphone Android grazie alla tecnologia Near Field Communication (NFC). Quest'ultima consente di effettuare un pagamento avvicinando semplicemente il proprio dispositivo ad un lettore adibito (le classiche macchinette dove si passa la carta durante gli acquisti). Ma non è tutto: infatti con Google Pay sarà possibile anche pagare il biglietto dell'autobus passando lo smartphone vicino al lettore di entrata ed uscita della metropolitana come già avviene con Apple Pay sulla Underground di Londra.

La transazione avviene nel seguente modo: dopo aver acquistato il bene o servizio il commesso o l'addetto alle vendite farà vedere l'importo sul classico lettore per i pagamenti. A questo punto non resta che attivare l'applicazione Android Google Pay dal proprio smartphone ed avvicinarlo al lettore che dopo aver ricevuto i dati confermerà che la transazione è andata a buon fine.

Una volta che ci si iscrive a Google Pay si assocerà un conto bancario, carta di credito o prepagata alla quale l'applicazione accederà ad ogni transazione.

Costi: non ce ne sono attualmente e non ce ne saranno nemmeno in Italia. Google è stata molto chiara da questo punto di vista e Android Google Pay non prevede alcuna commissione, quindi l'utente la potrà utilizzare in totale libertà così come utilizza la propria carta di credito o debito.

Ma Android Google Pay è sicuro? Sulla sicurezza non solo sembra che il sistema funzioni bene e sia blindato da possibili attacchi esterni (del resto l'esperienza di Google in ambito della sicurezza dei dati è tra le migliori) ma l'applicazione per il pagamento da smartphone sarà affiancata dall'utilizzo dell'opzione per il riconoscimento delle impronti digitali, rendendo (qualora l'utente decida di impostarlo) l'utilizzo del pagamento estremamente sicuro.

Inoltre l'applicazione non trasmetterà alcun dato all'esercente rispettando e proteggendo la privacy e i dati sensibili di chi lo utilizza.  

 

Che cos'è Google Wallet

Google Wallet è un sistema di pagamento virtuale creato dal colosso del web. Il sistema è molto simile ad Android Pay e così come per quest'ultimo il mercato di partenza è stato quello degli Stati Uniti. Ad ogni modo si tratta di due sistemi di pagamento virtuali scissi, uno che tende a svilupparsi principalmente su Android (appunto Android Pay) e l'altro su diversi sistemi operativi. È possibile che con il tempo Google possa fare una fusione delle due app, ma ad oggi l'America può vagliare per entrambe le metodologie di pagamento su tutto il territorio.

Google Pay 2016 è comunque molto simile ad Android Pay, così come evidenziato da Come si usa Google Wallet. E mentre in diversi parti dell'Europa già si vedono i primi pagamenti con Apple Pay, per i due portafogli di Google c'è ancora da attendere.

COPYRIGHT FUTUROTECH.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Ti è piaciuto questo articolo?


Articoli Simili

Informativa

Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione anche di "terze parti" per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Puoi negare o modificare le tue preferenze sui cookie in qualsiasi momento sulla nostra Cookie Policy. Se vuoi saperne di più su come gestiamo la tua privacy consulta la nostra Privacy Policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso di tutti i cookies.